Header Image

Sport e artrosi

Sport e artrosi

Che il movimento sia un’opzione terapeutica sensata e valida contro il dolore nei pazienti artrosici dovrebbe essere ormai un fatto comunemente riconosciuto. Il termine movimento è inteso come attività sportiva, che diventa anche medicina, necessitando dunque del giusto dosaggio. Per i pazienti colpiti da artrosi valgono le stesse regole di allenamento che per gli individui più giovani. Tuttavia questi pazienti devono adottare delle precauzioni dovute alla loro età, per evitare di compromettere la loro salute. 

Se una persona non ha mai praticato un’attività sportiva dovrebbe in ogni caso sottoporsi prima a un controllo medico, al fine di valutare individualmente soprattutto i rischi legati a tale pratica. Ogni medico generalista è in grado di svolgere un’analisi di questi rischi e dovrebbe poter fornire consigli individualizzati.

Di regola, oltre alla corsa, l’escursionismo, il ciclismo o il nuoto, si raccomanda anche di praticare esercizi ginnici di coordinazione, come pure esercizi di forza rivolti a muscoli specifici situati attorno alle articolazioni doloranti. Gli esercizi volti a rafforzare quei muscoli indeboliti intorno alle articolazioni aiutano ugualmente a ridurre i dolori. 

La durata e l’intensità degli esercizi devono essere adeguati all’età del paziente. Sessioni di allenamento troppo lunghe (3-4 o più ore), ma anche un’intensità estrema, che porti la frequenza cardiaca vicino alle pulsazioni massime teoriche (che si calcolano sottraendo a 220 l’età del paziente), dovrebbero essere evitate il più possibile. 

Lo sport per dimagrire nei pazienti artrosici?

Dal momento che oggi il cibo non è più un solo mezzo di sopravvivenza, bensì contribuisce in gran parte alla nostra qualità di vita, si vorrebbe per quanto possibile non dover rinunciare alle buone abitudini alimentari.L’idea di aumentare il consumo di calorie in modo tale da poter mangiare quanto si desidera purtroppo non funziona. Calcolando semplicemente il consumo calorico durante la corsa, si può già osservare quante poche calorie vengano effettivamente bruciate praticando un’attività sportiva così estenuante. In una mezz’ora di corsa si bruciano in media non più di 250-300 kcal. Per questo motivo un conseguente cambiamento delle abitudini alimentari, abbinato a uno stretto controllo dell’apporto calorico, resta l’unica via verso il successo quando si tratta di tenere sotto controllo, rispettivamente ridurre il proprio peso corporeo.Tuttavia un’attività sportiva moderata resta, per il paziente afflitto da artrosi, uno strumento sensato e molto efficace per combattere i dolori, in particolare delle ginocchia.